vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2292
Ultimo iscritto: Dano90
Iscritti | ISCRIVITI
 
Galeotte revisioni dell' UKPDS: rischi di manipolazioni informazione medica
Inserito il 05 ottobre 2005 da admin. - metabolismo - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

I risultati della più importante ricerca sul diabete tipo 2 sono spesso riportati in modo incompleto e trasmessi ai lettori non accuratamente.


E’ accettato che lo United Kingdom Diabetes Program Study (UKPDS) (1-2-3-4) sia uno studio di riferimento per la terapia del diabete tipo 2.
I risultati principali dell’UKPDS mostrano che la metforfina è l’unico farmaco ipoglicemizzante orale capace di ridurre la mortalità, che un controllo stretto della pressione arteriosa riduce le complicanze sia micro che macrovacolari e che il controllo stretto della glicemia con sulfaniluree e insulina riduce di poco le complicanze microvascolari (ma non quelle macrovascolari, tranne metformina).
Tuttavia, molti autori hanno rilevato che l’informazione sui risultati dell’UKPDS è stata forse fuorviante.
In particolare Shaughnessy e Slawson (5) hanno analizzato le revisioni sul trattamento del diabete mellito tipo 2 per valutare come erano stati riportati i risultati dello studio.
Su 436 revisione pubblicate tra novembre 2000 e maggio 20002, 35 soddisfacevano i criteri di inclusione stabiliti dagli autori.
Risultati
• Solo 6 revisioni su 35 riportavano che il controllo stretto della glicemia non aveva alcun effetto sulla mortalità globale o su quella correlata al diabete.
• Solo 7 citavano che la metformina riduceva la mortalità
• La maggioranza delle revisioni (30) non riportavano che i pazienti diabetici ipertesi traevano maggior beneficio da un buon controllo pressorio rispetto ad un buon controllo glicemico.
• Solo 5 mettevano in luce che i pazienti diabetici ipertesi avevano maggiori benefici dal controllo pressorio rispetto a quello glicemico
• Solo7 indicavano l’equivalenza tra ACE-inibitori e beta-bloccanti sul controllo pressorio
• Nessuna revisione indicava che sia l’insulina che le solfaniluree non mostravano risultati benefici nei pazienti diabetici in sovrappeso
• 13 revisioni raccomandavano come farmaci di prima scelta sostanze senza documentazione clinicamente robusta
7 affermavano che i farmaci, ad azione equivalente sull’emoglobina glicata, erano intercambiabili

Conclusioni ed implicazioni pratiche

Gli autori concludevano scrivendo che i risultati della più importante ricerca sul diabete tipo 2 erano spesso riportati in modo incompleto e spesso trasmessi ai lettori non accuratamente.
Le implicazioni pratiche sono che i MMG non devono accontentarsi dei dati di facciata dei trial, ma devono anche imparare a valutarli criticamente.
Esiste il rischio che anche dagli studi clinici controllati si veda solo ciò che si vuole vedere (6).
Inoltre anche la fiducia nelle riviste e negli opinion leaders deve essere accordata con attenzione.

Fausto Bodini

Bibliografia
1) Lancet 1998;352:837-53.
2) Lancet 1998;352:854-65.
3) BMJ 1998;317:703-13.
4) BMJ 1998;317:713-20.
5) BMJ 2003; 327:266-71
6) BMJ 2000;320:1720-1723.

Letto : 2832 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2022 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 12:26 | 64948545 accessi| utenti in linea: 27337