vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2244
Ultimo iscritto: ChiaraD
Iscritti | ISCRIVITI
 
Disfunzione erettile spia di futura cardiopatia
Inserito il 22 dicembre 2005 da admin. - urologia - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

La disfunzione erettile può essere, in alcuni pazienti, un precorsore di successivi eventi cardiovacolari

Questo studio si prefiggeva di esaminare il rapporto tra disfunzione erettile e rischio di eventi cardiovascolari. Sono stati seguiti e valutati ogni tre mesi i maschi (>= 55 anni) arruolati nel braccio placebo dello studio Prostate Cancer Prevention Trial (n = 9457) durante il periodo 1994-2003 per la comparsa di disfunzione erettile e di malattie cardiovascolari. All'inizio dello studio l'85% dei soggetti non presentava malattie cardiovascolari mentre il 47% lamentava una disfunzione erettile. Dopo 5 anni il 57% dei partecipanti che all'inizio non avevano problemi di erezione riferivano una disfunzione erettile. La comparsa di disfunzione erettile risultò associata ad un amento del rischio di malattia cardiovascolare statisticamente significativo (HR 1,25; IC95% 1,02-1,53).
Tale associazione è sovrapponibile a quella osservata per l'effetto del fumo o per l'anamnesi familiare positiva per infarto miocardico.
Gli autori dello studio concludono che la disfunzione erettile può essere, in alcuni pazienti, un precorsore di successivi eventi cardiovacolari per cui si rende necessaria una valutazione accurata del paziente e dei suoi fattori di rischio.

Fonte: JAMA. 2005; 294:2996-3002.

Commento di Renato Rossi
La disfunzione erettile riconosce varie cause: psicologiche, ormonali, uso di alcuni farmaci, abuso di sostanze, tabagismo, diabete e malattie vascolari, malattie neurologiche.
Lo studio recensito in questa pillola conferma che la comparsa di disfunzione erettile può essere un primo segnale dell'esistenza di una cardiopatia ischemica o di altra patologia vascolare (o anche di diabete) misconosciuti: il paziente va attentamente indagato sotto il profilo dei fattori di rischio cardiovascolari e trattato di conseguenza. Secondo lo studio dovremmo considerare la presenza di disfunzione erettile un vero e segnale di rischio paragonabile al fumo o alla familiarità per infarto.
Di conseguenza è utile prevedere di routine, nell'anamnesi, alcune domande circa l'eventuale esistenza di problemi sessuali. L'indagine anamnestica dovrà essere svolta con sensibilità e delicatezza in quanto spesso il paziente, soprattutto in particolari contesti, è restio a parlare di questo tipo di disturbi o a riferirli spontaneamente.

Letto : 4530 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2019 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 23:13 | 40664843 accessi| utenti in linea: 1049