vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2255
Ultimo iscritto: valentinagazzoni
Iscritti | ISCRIVITI
 
Screening mammografico e mortalitÓ da cancro mammario
Inserito il 31 marzo 2010 da admin. - oncologia - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Secondo uno studio del centro Cochrane danese la riduzione della mortalitÓ da cancro mammario osservata in Danimarca non sarebbe dovuta ai programmi di screening mammografico.



L'obiettivo di questo studio era di determinare se la riduzione della mortalitÓ da cancro mammario del 25% osservata a Copenaghen dopo l'introduzione dello screening mammografico fosse dovuta allo screening stesso oppure ad altre cause. A tal scopo Ŕ stata paragonata la variazione della mortalitÓ da cancro mammario in zone geografiche dove lo screening veniva attuato e variazioni della mortalitÓ specifica in altre zone durante i 10 anni precedenti e i 10 anni successivi all' introduzione dello screening. In pratica sono state considerate la zona di Copenaghen, dove lo screening venne introdotto nel 1991, la zona di Funen, dove lo screening venne introdotto nel 1993 ed il resto della Danimarca (circa l'80% della popolazione) che Ŕ servito come gruppo di controllo non screenato.
Nelle donne che hanno potuto usufruire dello screening (etÓ 55-74 anni) la mortalitÓ si Ŕ ridotta dell'1% all'anno nelle aree di screening durante il periodo di 10 anni nel quale lo screening dovrebbe aver avuto effetto (1997-2006). Nelle donne della stessa etÓ residenti in aree in cui lo screening non Ŕ stato implementato la riduzione della mortalitÓ era del 2% all'anno nello stesso periodo.
Nelle donne pi¨ giovani (etÓ 35-55 anni), che non hanno potuto usufruire del programma di screening, la mortalitÓ da cancro mammario durante il periodo 1997-2006 si Ŕ ridotta del 5% all'anno nelle aree screenate e del 6% all'anno nelle aree non screenate.
Per le donne pi¨ anziane (etÓ 75-84 anni) si Ŕ registrata una variazione della mortalitÓ da cancro mammario piccola in entrambe le aree.
Gli autori concludono che non Ŕ stato possibile trovare un effetto del programma di screening sulla mortalitÓ da cancro mammario.


Fonte:

J°rgensen KJ et al. Breast cancer mortality in organised mammography screening in Denmark: comparative study. BMJ 2010;340:c1241



Commento di Renato Rossi

I ricercatori del centro Cochrane danese, autori di questo studio osservazionale, sono gli stessi che nel 2000 pubblicarono una contestata metanalisi sull'efficacia dello screening mammografico assemblando i risultati degli RCT disponibili. Le loro conclusioni erano perentorie: lo screening mammografico non era giustificabile in quanto negli RCT esenti da distorsioni metodologiche non era risultata alcuna riduzione della mortalitÓ specifica e totale. La metanalisi, com' era da aspettarsi, Ŕ stata sconfessata da altri ricercatori favorevoli allo screening e la diatriba si Ŕ trascinata con periodiche riaccensioni fino ad ora, rinfocolata recentemente dalla pubblicazione delle linee guida della United States Preventive Services Task Force [1].
Lo studio danese pubblicato dal BMJ dimostra che la riduzione della mortalitÓ specifica osservata nelle regioni in cui era implementato lo screening probabilmente non Ŕ dovuta alla diagnosi precoce del cancro mammario ottenuta con lo screening stesso, ma ad un cambiamento dei fattori di rischio e ad un miglioramento delle terapie oggi disponibili rispetto al passato. Infatti questa riduzione Ŕ risultata simile (se non inferiore) a quella osservata nelle regioni in cui lo screening non era attuato e nelle donne troppo giovani per poter usufruire dello screening.
In uno studio, pubblicato sempre dal BMJ circa un decennio fa [2], si era evidenziato che la mortalitÓ da carcinoma mammario in Gran Bretagna nel periodo 1990-1998 si era ridotta del 21,3% nelle donne di etÓ compresa tra 50 e 69 anni. Per˛ solo per il 6,4% ci˛ sarebbe dovuto allo screening mentre per il resto dipenderebbe da altri fattori (soprattutto miglioramento delle terapie disponibili e presentazione precoce delle donne in caso di comparsa di nodulo mammario).
Lo studio degli autori danesi va oltre e lascia intendere che lo screening Ŕ addirittura inefficace, tanto Ŕ vero che la riduzione della mortalitÓ specifica trovata nelle aree in cui lo screening non era implementato Ŕ stata maggiore (2% all'anno) di quella trovata in cui si effettuava lo screening (1% all'anno).
Che dire? La questione Ŕ controversa. Pur senza arrivare ad abbracciare completamente i risultati di quest'ultimo lavoro danese, bisogna ammettere che i dubbi sulla effettiva utilitÓ dello screening mammografico non sono da sottovalutare. Anche dando per certa una riduzione della mortalitÓ specifica, bisogna dire che nessuno studio Ŕ riuscito a dimostrare una riduzione della mortalitÓ totale (che secondo alcuni sarebbe l'unico endpoint da tenere in considerazione quando si devono valutare programmi di screening oncologici). Inoltre i potenziali pericoli dello screening (sovradiagnosi, trattamenti non necessari, etc.) sono ben noti e sono stati ampiamente descritti.
L'unica strada percorribile ci sembra quella che abbiamo sempre sostenuto: illustrare in modo completo alla donna le problematiche e le aree di incertezza che, dopo decenni, ancora permeano la materia e lasciare a lei la decisione se sottoporsi o meno allo screening mammografico.
Un comportamento di cui, per˛, non si vede traccia nell' Italia di oggi.



Referenze

1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=4852
2. Blanks RG et al. Effect of NHS breast screening programme on mortality from breast cancer in England and Wales, 1990-8: comparison of observed with predicted mortality. BMJ 2000 Sept 16; 321:665-669.




Letto : 3849 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Commenti
1 Commento
Commenti Inserito il 08 aprile 2010 alle 13:07:54 da Stagnaro.  0/5
 
A mio parere, quanto sta scritto in questa pagina, e in tutte quellle relative agli screening, sono espressione inconfutabile del Medio Evo della Medicina attuale (Stagnaro Sergio. Middle Ages of today’s Medicine, Overlooking Quantum-Biophysical-Semeiotic Constitutions and Related Inherited Real Risk. http://sciphu.com November 4, 2008. http://sciphu.com/2008/11/meadle-ages-of-todays-medicine.html: è possibile criticare questo vecchio articolo!!! Nessuno finora l'ha fatto). Screening sappiamo bene che non significa Prevenzione Primaria. Bene. Premesso che anche gli uomini danesi, e non, possono essere colpiti da cancro al seno, in quali donne è ricercato il cancro della mammella, se non si conosce il Terreno Oncologico "e" il Reale Rischio Congenito del cancro al seno? Evidentemente in TUTTE. Con quale risultato lo dice il fatto che il Cancro è una epidemia in continuo aumento...
Per ridurre l'incidenza del Cancro del seno e di altri sistemi biologici, è prima di tutto necessaria la VOLONTA' di colpire il cancro, dimostrata dalla diffusione tra i medici della conoscenza del Reale Rischio Congenito do cancro del seno, DIPENDENTE dal Terreno Oncologico (V i Messaggi semplici e chiari nel mio blog http://club.quotidianonet.ilsole24ore.com/blog/sergio_stagnaro)
La verità è che senza la conoscenza delle numerose Costituzioni Semeiotico-Biofisico-Quantistiche e dei relativi Reali Rischi Congeniti facciamo solo chiacchiere ma non Prevenzione primaria.

Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
ę Pillole.org 2004-2020 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 05:09 | 42543246 accessi| utenti in linea: 23584