vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2289
Ultimo iscritto: Galante
Iscritti | ISCRIVITI
 
Screening della celiachia: non č noto se sia utile o dannoso
Inserito il 05 giugno 2016 da admin. - gastroenterologia - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Dopo un'attenta revisione della letteratura la USPSTF ha concluso che non ci sono prove a favore o contro lo screening della celiachia in soggetti asintomatici.


La celiachia č una condizione relativamente comune nella medicina di comunitą e va ricercata in presenza di sintomi e segni non solo di tipo gastroenterologico [1].

Lo screening in soggetti asintomatici potrebbe essere utile? La United States Preventive Services Task Force, dopo un ampio esame degli studi presenti in letteratura, ha concluso che non lo sappiamo.

In pratica la Task Force americana sentenzia che non ci sono studi per poter valutare i benefici e i rischi dello screening in soggetti asintomatici.

Esaminiamo pił in dettaglio le conclusioni della USPSTF.


1) Non ci sono evidenze adeguate circa l'impatto dello screening in soggetti asintomatici su mortalitą, morbilitą e qualitą di vita. Per la veritą non ci sono evidenze adeguate neppure per soggetti a rischio (per esempio per familiaritą o altri fattori di rischio come le patologie
autoimmuni).

2) Non ci sono evidenze adeguate circa i benefici del trattamento in soggetti asintomatici diagnosticati tramite screening rispetto a soggetti in cui il trattamento sia stato iniziato dopo una diagnosi clinica.

3) Non ci sono evidenze adeguate circa i pericoli dello screening.

4) La storia naturale della celiachia silente e della celiachia potenziale non č nota. Per celiachia silente si intende una celiachia diagnostica grazie ai test sierlogici e alla biopsia intestinale in cui non siano presenti sintomi. Per celiachia potenziale si intende una celiachia con test positivi, danno intestinale lieve o assente, presenza oppure assenza di sintomi. Non č noto se queste due forme di celiachia vadano incontro, con il tempo, ad una celiachia classica oppure siano tipi distinti di malattia.


Che dire?

Purtroppo ancora una volta si deve constatare che la letteratura č povera di dati e non č possibile trarre una conclusione affidabile su una pratica di screening nč a favore nč contro.
In attesa di studi che possano meglio chiare la questione come comportarsi? A quali soggetti richiedere i test per la celiachia?
Ci sembra che siano condivisibili le raccomandazioni di alcune Societą Scientifiche (American College of Gastroenterology, U.K. National Institute for Health and Care Excellence, North American Society for Pediatric Gastroenterology, Hepatology, and Nutrition) citate dalla Task Force americana.
Queste raccomandazioni ricalcano sostanzialmente quanto scrivemmo in una pillola precedente alla quale rimandiamo [1].


Renato Rossi


Bibliografia


1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=4691

2. United States Preventive Services Task Force. Draft Recommendation Statement.
Celiac Disease:Screening.
http://www.uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Document/draft-recommendation-statement150/celiac-disease-screening


Letto : 34549 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2022 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 01:42 | 61938924 accessi| utenti in linea: 48097