vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2191
Ultimo iscritto: Mic91
Iscritti | ISCRIVITI
 
Automonitoraggio giornaliero della glicemia nel diabete NID: è utile?
Inserito il 18 giugno 2017 da admin. - metabolismo - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  Ascolta con webReader


Uno studio randomizzato conferma che nella maggior parte dei pazienti con diabete tipo 2 non insulino-trattato il monitoraggio giornaliero della glicemia non comporta vantaggi.


Spesso i pazienti affetti da diabete tipo 2 non insulinodipendente (NID) controllano giornalmente e anche più volte al giorno il valore della glicemia.

Questa pratica, in realtà, cozza con quanto raccomandato dalle linee guida perchè i benefici non sono chiari [1].

Uno studio conferma la validità di questo approccio [2] e sottolinea che il monitoraggio routinario della glicemia nei pazienti con diabete tipo 2 NID non porta a vantaggi clinicamente rilevanti.

Nello studio sono stati arruolati 450 pazienti affetti da diabete tipo 2 NID con valori di emoglobina glicata compresi tra 6,5% e 9,5%. hanno completato lo studio 418 soggetti.

I partecipanti sono stati assegnati, in modo random, a nessun monitoraggio della glicemia, a monitoraggio standard una volta al giorno oppure a monitoraggio una volta al giorno associato a messaggi che avevano lo scopo di aumentare la motivazione e l'educazione del paziente a comprendere i risultati dell'automonitoraggio stesso.

Gli endpoint primari, valutati ad un anno, erano il miglioramento dell'emoglobina glicata e la qualità di vita. Entrambi gli endpoint non differivavano tra i due gruppi.

Che dire?

Lo studio suggerisce chiaramente che l'automonitoraggio giornaliero della glicemia nei pazienti con diabete tipo 2 stabile non insulinotrattato non comporta vantaggi chiari e quindi non dovrebbe essere consigliato, almeno di routine.

Già in pillole precedenti [3] concludevamo che nel diabetico tipo 2 ben compensato e che non necessita di terapia insulinica nella maggior parte di casi può essere sufficiente un controllo glicemico ogni 3 mesi e ogni 4-6 mesi della emoglobina glicata.
Cosa diversa è per il diabetico in trattamento insulinico perchè in questo caso l'automonitoraggio permette le variazioni giornaliere delle dosi che si possono rendere necessarie. L'automonitoraggio può essere consigliabile anche nel paziente in trattamento con farmaci orali se vi è il rischio di gravi episodi ipoglicemici, nelle fasi iniziali in cui viene instaurata una terapia con farmaci orali che è necessario titolare oppure nei casi di diabete con valori instabili della glicemia.



Renato Rossi




Bibliografia

1. Society of General Internal Medicine
http://www.choosingwisely.org/societies/society-of-general-internal-medicine/.
Visitato in data 12 giugno 2017.

2. Young LA et al. for the Monitor Trial Group. Glucose Self-monitoring in Non–Insulin-Treated Patients With Type 2 Diabetes in Primary Care Settings. A Randomized Trial
JAMA Intern Med. Pubblicato online il 10 giugno 2017.

3. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=5459










Letto : 22670 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML | ascolta in mp3 | Vai al Forum per commenti articolati

ARCHIVIO | CERCA PILLOLE | ULTIMO MESE | LE PIÙ LETTE
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2017 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 17:58 | 27711522 accessi| utenti in linea: 32838