vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2191
Ultimo iscritto: Mic91
Iscritti | ISCRIVITI
 
La demenza si può prevenire?
Inserito il 06 agosto 2017 da admin. - neurologia - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  Ascolta con webReader


L'intervento su nove fattori di rischio modificabili potrebbe ridurre l'incidenza della demenza o almeno ritardarne la comparsa.


Purtroppo la demenza è una patologia altamente invalidante che sta diventando sempre più frequente a cuasa del progressivo invecchiamento della popolazione.

Se fosse possibile prevenire o almeno ritardare la comparsa di demenza si otterrebero ripercussioni positive non solo sui malati ma sull'intera società visto che questa patologia assorbe notevoli risorse sia in termini umani che economici.

Il Lancet pubblica un report di una commissione di esperti secondo il quale circa poco più di un terzo dei casi di demenza sarebbe passibile di prevenzione (o comunque sarebbe possibile ritardarne la comparsa) se solo si riuscisse a controllare e combattere nove fattori di rischio [1].

I fattori di rischio individuati dagli esperti sono:

1) la scarsa educazione scolastica
2) l'ipertensione
3) l'obesità
4) la perdita della funzione uditiva
5) la depressione
6) il diabete
7) l'inattività fisica
8) il fumo
9) l'isolamento sociale

Secondo gli autori il controllo di questi fattori potrebbe ridurre l'incidenza di demenza.

Il report non si limita ad individuare i fattori di rischio modificabili della demenza ma fornisce anche alcune raccomandazioni tra cui:

a) l'uso degli inibitori della colinesterasi nei pazienti con demenza di Alzheimer o con demenza a corpi del Lewy

b) l'uso della memantina nei pazienti con demenza grave

c) il trattamento con farmaci dei sintomi psichiatrici, raccomandato nel caso di sintomi gravi.


Che dire?

Il report riveste sicuramente un interesse notevole perchè individua i fattori di rischio sui quali si potrebbe agire per ridurre una patologia grave che, oltre a impattare sull'autonomia del malato, spesso mette a repentaglio anche la salute dei familiari che devono accudire il paziente con demenza.

Tuttavia mentre su alcuni fattori il medico può intervenire con mezzi efficaci (trattamento dell'ipertensione, del diabete, dell'obesità, della perdita della funzione uditiva, della depressione), su altri gli spazi di manovra sono più ristretti anche se ancora possibili (per esempio trattamento del tabagismo, inattività fisica).

Su altri fattori di rischio purtroppo l'intervento non può essere limitato alla sola medicina ma chiama in causa soprattutto politiche socio-economiche su cui gli stati dovrebbero investire (per esempio la scarsa educazione scolastica e l'isolamento sociale).



Renato Rossi


Bibliografia

1. Livingston G et al. Dementia prevention, intervention, and care. Lancet. Pubblicatop online il 19 luglio 2017.




Letto : 27819 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML | ascolta in mp3 | Vai al Forum per commenti articolati

ARCHIVIO | CERCA PILLOLE | ULTIMO MESE | LE PIÙ LETTE
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2017 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 17:57 | 27711499 accessi| utenti in linea: 32801