vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2276
Ultimo iscritto: System2
Iscritti | ISCRIVITI
 
Acidi grassi omega 3 ed eventi cardiovascolari
Inserito il 26 agosto 2018 da admin. - cardiovascolare - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Una revisione Cochrane ha fatto il punto sugli effetti cardiovascolari degli acidi grassi omega.



Diversi studi hanno evidenziato i benefici cardiovascolari degli acidi grassi omega 3.
Per questo motivo le linee guida consigliano di aumentare il consumo di cibi che contengono queste sostanze e, in alcuni casi, di ricorrere alla supplementazione farmacologica.
Gli acidi grassi omega 3 sono contenuti nell'olio di pesce (omega 3 a lunga catena detti LCn3 come per esempio l'acido eicosapentenoico o EPA e il docosaexanoico o DHA) e in alcuni vegetali (acido alfalinoleico o ALA).
Tuttavia recenti trials non hanno confermato questi risultati.

Partendo da queste considerazioni è stata quindi effettuata una revisione sistematica della letteratura [1].
Sono stati selezionati 79 RCT per un totale di poco più di 112.000 pazienti arruolati. Nella maggior parte degli studi veniva paragonata la supplementazione farmacologica con acidi omega 3 al placebo.

Secondo la revisione gli acidi omega 3 a lunga catena hanno mostrato di avere un effetto nullo o di modesta entità su endpoints hard come la mortalità totale e cardiovascolare, la mortalità coronarica, gli eventi cardiovascolari, le aritmie e l'ictus. Vi può essere una riduzione degli eventi coronarici tuttavia questo dato non è stato confermato da una analisi di sensibilità.

Per quanto riguarda l'ALA si è evidenziato che è improbabile un effetto su mortalità totale, mortalità cardiovascolare ed eventi coronarici. L'ALA può ridurre gli eventi cardiovascolari, la mortalità coronarica e le aritmie mentre sull'ictus l'effetto è stato giudicato non chiaro.

Gli autori considerano questa la revisione più estesa che abbia finora esaminato gli effetti cardiovascolari degli acidi grassi omega 3 e suggeriscono che i benefici evidenziati dagli acidi omega 3 a lunga catena nei primi studi sono dovuti al fatto che questi trial avevano un rischio di bias.

Ricordiamo che i prodotti a base di omega 3 sono indicati, secondo quanto previsto in scheda tecnica, per il trattamento dell'ipertrigliceridemia e per la prevenzione secondaria nel paziente con pregresso infarto miocardico.


Renato Rossi


Bibliografia

1. Abdelhamid As et al. Omega-3 fatty acids for the primary and secondary prevention of cardiovascular disease. Cochrane Syst Rev. Pubblicata il 18 luglio 2018.



Letto : 11111 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2021 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 00:02 | 49081319 accessi| utenti in linea: 1657