vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2314
Ultimo iscritto: ValeM
Iscritti | ISCRIVITI
 
Crioglobulinemia
Inserito il 11 aprile 2021 da admin. - ematologia - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

La crioglobulinemia una vasculite sistemica in cui sono presenti immunoglobuline che precipitano alle basse temperature.


La crioglobulinemia una vasculite sistemica caratterizzata dalla presenza di crioglobuline, immunoglobuline (IgA, IgM, IgG e catene leggere) che precipitano a basse temperature (4 C) mentre diventano nuovamente solubili a temperatura pi elevata (37C).

Pi frequente nel sesso femminile e tra i 40 e i 60 anni, si manifesta clinicamente con un quadro polimorfo che colpisce vari organi e apparati. La patogenesi riconosce nella precipitazione di immunocomplessi a livello dei piccoli vasi sanguigni il primum movens.

I sintomi principali sono rappresentati da manifestazioni cutanee (porpore, petecchie, acrocianosi, orticaria), artralgie, astenia, nefropatia e/o epatopatia, interessamento neurologico (parestesie, neuropatia periferica, ictus), ischemia cardiaca, fenomeno di Raynaud, dolore addominale, etc.

Una volta dimostrata la presenza di crioglobuline vanno richiesti un prodigramma e una immunofissazione in modo da identificare le immunoglobuline implicate nella malattia.

Si sono identificati tre tipi di crioglobulinemia.

Il tipo I caratterizzato dalla presenza di una Ig monoclonale e si riscontra di solito nel mieloma, nella macroglobulinemia di Wadenstrom e in alcuni linfomi.

Nel Tipo II sono presenti contemporaneamente una Ig monoclonale e Ig policlonali. Si verifica soprattutto nell'epatite cronica C e in alcune malattie autoimmunitarie.

Il tipo III, caratterizzato dalla presenza di Ig policlonali, si verifica nelle malattie autoimmuni, in alcune infezioni virali (HIV, HCV, EBV, CMV), nelle parassitosi, in alcune micosi profonde.

La terapia si avvale del trattamento della malattia di base, dei corticosteroidi, degli immunosoppressori, di FANS, di anticorpi monoclonali (per esempio rituximab).
La prognosi dipende dalla malattia sottostante.


Renato Rossi




Letto : 19616 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
 
Pillole.org 2004-2024 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 16:06 | 98946082 accessi| utenti in linea: 68786