vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2289
Ultimo iscritto: Galante
Iscritti | ISCRIVITI
 
L'ottimismo pericoloso
Inserito il 31 ottobre 2021 da admin. - scienze_varie - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Il cosiddetto outcome bias può portare a pericolose sottovalutazioni diagnostiche.



Enrico, 56 anni, si rivolge al medico curante perchè lamenta da qualche tempo una sintomatologia caratterizzata da lombalgia. Il dolore non è molto forte, non impedisce le normali attività quotidiane, comunque disturba il paziente.
In passato Armando ha sofferto ancora di saltuari episodi di lombalgia per i quali aveva eseguito una radiografia della colonna e una risonanza magnetica (che avevano evidenziato segni di spondiloartrosi) e alcune visite ortopediche e fisiatriche.
Il medico visita il paziente ma non riscontra nulla di diverso dal solito, in particolare non vi sono segni radicolitici e la manovra di Laségue è negativa.
Imputando la sintomatologia alla solita artrosi viene prescritto del riposo e un antinfiammatorio.
Tuttavia la terapia ottiene un beneficio modesto e temporaneo. Armando comunque riprende il lavoro ma dopo qualche settimana la lombalgia si aggrava e compare una febbricola serotina. Inoltre il paziente ha notato un calo ponderale di 4-5 chili nonostante non sia assolutamente a dieta.
Preoccupato si rivolge a uno specialista ortopedico che fa eseguire una radiografia della colonna e alcuni esami ematochimici.
La radiografia mostra un'area di lisi a carico del corpo della quarta vertebra lombare mentre gli esami ematochimici evidenziano un aumento della VES (100 mm alla prima ora) e della PCR oltre che una modesta anemia normocitica e un gammopatia monoclonale.
Il paziente viene ricoverato e si giunge alla diagnosi di mieloma.

In questo caso si è verificata una distorsione cognitiva nota come "outcome bias" o preferenza per le diagnosi migliori. Il medico sceglie, in maniera istintiva, i percorsi diagnostico-terapeutici più favorevoli trascurando le ipotesi peggiori.
Nel caso di può ravvisare anche un'altra distorsione detta "anchoring bias" o fenomeno dell'ancoraggio: si resta legati a un'ipotesi diagnostica influenzati da una diagnosi precedente (in questo caso la "solita artrosi").


Renato Rossi



Per approfondire:

Collecchia G, De Gobbi R, Fassina R, Ressa G, Rossi RL. La diagnosi ritrovata. Il Pensiero Scientifico Editore: Roma 2021.
http://pensiero.it/catalogo/libri/professionisti/la-diagnosi-ritrovata



Letto : 58081 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2022 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 00:19 | 61975493 accessi| utenti in linea: 36007