vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2289
Ultimo iscritto: Galante
Iscritti | ISCRIVITI
 
Target del trattamento antipertensivo: studio STEP
Inserito il 05 dicembre 2021 da admin. - cardiovascolare - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Secondo lo studio STEP negli anziani è utile un target del trattamento antipertensivo inferiore a 130 mmHg di pressione arteriosa sistolica.


Lo studio STEP è stato realizzato per rispondere alla domanda di quale sia l’obiettivo del trattamento antipertensivo negli anziani. Gli autori ammettono che la questione non è chiara. Pertanto hanno arruolato oltre 8.000 pazienti cinesi di età compresa tra 60 e 80 anni, randomizzandoli in due gruppi: trattamento intensivo e trattamento standard. Dopo un anno di follow-up la PAS media era di circa 127 mmHg nel gruppo a trattamento intensivo e di 135 mmHg nel gruppo a trattamento standard.
L’endpoint primario dello studio (ictus, sindrome coronarica acuta, scompenso cardiaco acuto, rivascolarizzazione coronarica, fibrillazione atriale e morte cardiovascolare), dopo poco più di 3 anni, si verificò nel 3,5% del gruppo a trattamento intensivo e nel 4,6% del gruppo a trattamento standard con una riduzione relativa del rischio del 26%. Dal punto di vista dei singoli componenti dell’endpoint primario una riduzione statisticamente significativa si ebbe per l’ictus, la sindrome coronarica acuta e per lo scompenso cardiaco acuto, mentre per gli altri endpoint la riduzione osservata non era statisticamente significativa.
Il rischio di eventi avversi non differiva tra i due gruppi (vertigini, sincope, fratture) se si eccettua l’ipotensione, più frequente nel gruppo a trattamento intensivo. Anche gli outcome renali non differivano tra i due gruppi.

Che dire? Lo studio conferma sostanzialmente quanto già dimostrato dallo SPRINT trial. La riduzione del rischio in termini assoluti dell'endpoint primario è stata dell'1,1% pari a un NNT di 90.
Il trial è stato effettuato in Cina, questi risultati sono trasferibili anche a pazienti di altre etnie?
Inoltre l'interpretazione dei dati può creare qualche difficoltà in quanto non tutti i singoli endpoint dell'endpoint primario risultano ridotti, ma solo alcuni.
Infine va considerato che la popolazione arruolata nello studio era a basso rischio e in buona salute: circa il 75% aveva un'età inferiore a 70 anni e solo il 2% una disfunzione renale. Questo spiega perchè gli effetti collaterali del trattamento nel trial cinese sono stati meno frequenti rispetto a quelli osservati nello studio SPRINT.
Però non tutti i pazienti anziani visti nella pratica clinica hanno le caratteristiche di quelli arruolati nello studio STEP.
Come si possono tradurre in pratica questi risultati? Possiamo ragionevolmente dire che nei soggetti > 65 anni l'obiettivo primario è di arrivare a una pressione inferiore a 140/90 mmHg.
Nel paziente a basso rischio, in buona salute e senza altre patologie di rilevo si può tentare di arrivare anche a valori inferiori a 130 mmHg a patto che la terapia sia ben tollerata.


Renato Rossi


Bibliografia


1. Zhang W et al. for the STEP Study Group. Trial of Intensive Blood-Pressure Control in Older Patients with Hypertension. N Engl J Med 2021 Sept 30; 385:1268-1279.














Letto : 80521 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2022 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 08:13 | 60904447 accessi| utenti in linea: 47406