vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2275
Ultimo iscritto: bylilli23
Iscritti | ISCRIVITI
 
Midollo spinale riparabile con un trapianto
Inserito il 30 dicembre 1999 da admin. - neurologia - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Buoni i risultati nel topo, attesa la sperimentazione sull’uomo.


10.12.1999
Il riparo dei danni subiti dal midollo spinale è ancora oggi in molti casi un problema irrisolvibile: l’organismo, infatti, non è in grado di ripristinare le cellule neuronali danneggiate, rendendo irrecuperabile, insieme alla struttura del tessuto, anche la funzionalità ad essa associata. Premettenti prospettive giungono da uno studio effettuato dai ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis, USA, apparso nel numero di dicembre di Nature Medicine. I risultati, ottenuti per il momento nel topo, sembrano molto incoraggianti: mediante un trapianto di cellule embrionali è possibile riparare il danno tissutale e recuperare in parte la funzionalità motoria persa a causa del trauma. Per poter giungere a questo risultato, i ricercatori hanno sfruttato le potenzialità delle cellule staminali embrionali: si tratta di cellule indifferenziate dalle quali hanno origine le diverse cellule differenziate dell’organismo. Facendo crescere in opportune condizioni queste cellule, è possibile in parte guidare il loro differenziamento, inducendole, ad esempio a trasformarsi» in precursori delle cellule neuronali. Ebbene, questo è proprio ciò che hanno fatto i ricercatori statunitensi: a partire dalle cellule embrionali, dunque, essi hanno ottenuto i precursori neuronali e li hanno trapiantati in topi che precedentemente avevano subito un danno al midollo spinale. Il trapianto è stato effettuato a livello del tessuto danneggiato e a distanza di nove giorni dal trauma, ovvero quando l’incapacità motoria associata al danno si era già instaurata. In poche settimane, i precursori cellulari trapiantati si sono differenziati nelle diverse tipologie di cellule neuronali circostanti la zona danneggiata, ricostruendo in parte il tessuto. E non solo: testando la capacità motoria volontaria dei topi trapiantati, si è potuto osservare, a un mese di distanza dall’intervento, il parziale ripristino della capacità di effettuare movimenti coordinati e di supportare il peso corporeo, entrambi assenti nei topi di controllo.
La capacità di movimento dei topi trapiantati era solo parziale, ma probabilmente questo è dovuto al fatto che solo una porzione di cellule trapiantate è in realtà sopravvissuta nell’organismo ospite, sostiene McDonald, a capo dello studio. Secondo i ricercatori, se si riuscisse a incrementare il numero di cellule che sopravvivono al trapianto, si potrebbe re ottenere il recupero completo dei movimenti. Nel topo la strategia sembra dunque funzionare: resta ora da verificare la sua applicabilità anche nell’uomo.
Le Scienze www.lescienze.it

Letto : 1052 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2021 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 04:19 | 48230268 accessi| utenti in linea: 16174