vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2314
Ultimo iscritto: ValeM
Iscritti | ISCRIVITI
 
L'OPINIONE SU... onorario per i certificati di morte
Inserito il 14 gennaio 2024 da admin. - professione - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Sono un medico di famiglia.
Sono stato chiamato dai familiari di un mio paziente deceduto in casa per constatare il decesso e stilarne i certificati.
Mi hanno pero’ contestato allorche’ ho chiesto loro un onorario. Hanno ragione? Eppure i decreti sui LEA non inseriscono questi certificati tra quelli gratuiti.


Vanno considerate le circostanze dell’evento.
Per quanto riguarda genericamente la stesura del certificato, generalmente hanno ragione i pazienti.

Questo perche’ la Legge pone appunto a carico del medico la “denuncia” del decesso, che deve essere fatta dal medico all’ autorita’ sanitaria. Si tratta quindi di una “denuncia obbligatoria” di un evento interessante la salute pubblica.
Le leggi e i decreti sui LEA non li riportano specificamente in quanto non si riferiscono alle prestazioni obbligatorie per legge, ma alle certificazioni rilasciate e richieste per uso dell’assistito.

Il fatto che per prassi il certificato venga poi inoltrato allle Autorita’ non dal medico ma da altri soggetti (le Pompe Funebri) non e’ rilevante, in quanto questi vengono ad essere semplici intermediari, come dei “postini”.
Va tenuto conto anche che il cliente-committente della certificazione non e’ il paziente deceduto o i suoi familiari ne’ l’ Agenzia Funebre (per cui non e’ lecito esigere da essi un pagamento) ma l’ Autorita’ Sanitaria.

Siccome ci sono state parecchie diatribe sull’ argomento, la Circolare 4/E/05 dell' Agenzia delle Entrate, avente per argomento l' applicazione dell' IVA sui certificati di tipo medico- legale, ha poi chiuso il discorso confermando la gratuita' del certificato di morte.

Possono esserci pero’ casi particolari che fanno eccezione:
Ad esempio accessi domiciliari in giorno festivo o notturno, o in genere in circostanze in cui il medico non e’ in servizio.

Questo perche’ l’ onorario, che non puo’ (come illustrato sopra) essere richiesto per la stesura del certificato (che, ripetiamo, costituisce una denuncia obbligatoria rivolta all’autorita’ sanitaria e quindi e’ gratuito) verrebbe invece richiesto per il pagamento di una prestazione sanitaria (accesso domiciliare e visita medica del corpo) richiesta ed effettuata in una circostanza in cui il medico di famiglia opera in condizione libero-professionale.

Va stilata la regolare ricevuta fiscale e la motivazione deve essere chiaramente specificata (accesso domiciliare in regime libero-professionale ecc…).

Questa motivazione, ovviamente, non puo’ essere addotta allorche’ i familiari si siano rivolti per la visita (e la certificazione) ad un sanitario in stato di servizio (ad es. la domenica da medico di Continuita’ Assistenziale).

Daniele Zamperini

Letto : 47127 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
 
© Pillole.org 2004-2024 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 01:03 | 97310061 accessi| utenti in linea: 46592