vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2271
Ultimo iscritto: pillore120699
Iscritti | ISCRIVITI
 
Si scomoda "Nature" per spiegare gli errori degli arbitri
Inserito il 30 luglio 2000 da admin. - scienze_varie - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  



Siamo ormai abituati tutti alle lunghissime ed estenuanti discussioni che seguono una partita di calcio importante. Siamo abituati soprattutto all’esame critico spietato e approfondito di tutte le decisioni arbitrali effettuate durante la partita. Non e’ infrequente che un prolungato esame effettuato alla moviola e da diverse angolazioni dalle telecamere che circondano il campo mettano in evidenza come l’arbitro o il guardialinee abbiamo dato in piu’ occasioni delle valutazioni erronee che spingono i tifosi a sospetti pesanti sulla correttezza di questi ultimi.
Alcuni ricercatori olandesi hanno voluto valutare gli errori dei guardialinee nel segnalare il fuorigioco. Hanno quindi incaricato 3 guardialinee professionisti di valutare 200 possibili situazioni di fuorigioco riprodotte da 2 squadre di calcio.
Risultarono ben 40 decisioni erronee.
Il classico errore era, ad esempio, che il guardialinee vedesse un fuorigioco quando non c’era oppure non lo vedesse quando c’era.
Per "immedesimarsi" nel punto di vista del guardialinee, i ricercatori li obbligavano ad indossare un casco dotato di una minitelecamera, in modo che si potessero seguire i movimenti della testa e l’angolo di visuale del professionista.
Da tutto cio' e' emerso che gli errori dipendevano dalla sovrapposizione dell' immagine proiettata sulla retina dalla posizione relativa dell’attaccante e del difensore.
In altre parole il fenomeno della parallasse causava le erronee valutazioni di questi professionisti.
Il fenomeno della parallasse e’ del resto una cosa ben conosciuta sia nell' ambito scientifico (ricerche astronomiche, ad es.) che nelle attivita’ quotidiane; di esso la mente tiene normalmente conto nelle valutazioni spaziali. La correzione effettuata dal sistema percettivo non copre tuttavia da errori quando le differenze da valutare sono basse, la distanza e' notevole ed e' in corso una veloce attivita’.
I ricercatori concludevano che indipendentemente dalla bravura e dalla professionalita’ del guardialinee gli errori di valutazione sono inevitabili a causa delle limitazioni del sistema percettivo umano e suggerivano modalita’ alternative quale l’analisi di filmati ripresi da adeguate posizioni osservative.
Non ci sembrava tuttavia il caso di scomodare una rivista internazionale cosi’ prestigiosa per una conclusione cosi’ banale.
Daniele Zamperini. Fonte: Nature 404:33(2000).


Letto : 925 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
Pillole.org 2004-2020 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 04:39 | 46318173 accessi| utenti in linea: 25430