vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2290
Ultimo iscritto: Sibor80
Iscritti | ISCRIVITI
 
La frutta riduce il rischio di diabete
Inserito il 22 dicembre 2013 da admin. - metabolismo - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Secondo un'analisi di tre ampi studi osservazionali il consumo di almeno tre porzioni di frutta alla settimana riduce il rischio di sviluppare un diabete di tipo 2.

Il consumo di frutta e verdura viene consigliato per ridurre il rischio di malattia cardiovascolari, metaboliche e neoplastiche.
Ma la frutta riduce anche il rischio di sviluppare un diabete di tipo 2?
Per rispondere a questa domanda alcuni autori hanno assemblato i risultati di 3 studi di tipo osservazionale che in totale avevano arruolato più di 187.000 persone (il Nurses' Health Study, il Nurses' Health Study II e l' Health Professionals Follow-up Study).
Dall'analisi sono stati esclusi i soggetti che avevano già il diabete oppure che non avevano riportato chiaramente i dati sul consumo di frutta.
Dopo aver corretto i dati per vari fattori confondenti come la storia personale, lo stile di vita e fattori di rischio dietetici per diabete, si è visto che l'assunzione di almeno tre porzioni di frutta alla settimana risultava associata ad una riduzione del 2% del rischio di sviluppare un diabete di tipo 2.
I frutti maggiormente dotati di potere protettivo erano il mirtillo, l'uva, le mele, le pere, le banane e il pompelmo.

Come concludere? L'analisi dei tre studi osservazionali conferma la bontà delle linee guida che consigliano un adeguato introito di frutta. Vi è da notare tuttavia che, come giustamente osservato dagli autori, questi risultati hanno delle limitazioni legate al tipo di studi esaminati.
Infatti il consumo (quantità, tipo) di frutta veniva riferito dai pazienti e non si possono escludere errori legati a questa metodologia di rilevazione (per esempio può esserci il cosiddetto recall bias o bias dei ricordi). Inoltre, pur avendo gli autori corretto i risultati per vari fattori di confondimento, va ricordato che vi può essere un bias di selezione dato che gli studi non erano di tipo randomizzato e controllato.


Renato Rossi


Bibliografia

Muraki I et al. Fruit consumption and risk of type 2 diabetes: results from three prospective longitudinal cohort studies. BMJ 2013 Sept 7;347:f5001







Letto : 3043 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
Aggiungi - Commenti

Commenti Per i commenti flash prima occorre effettuare il login. Per commenti articolati usare il Forum
 
© Pillole.org 2004-2022 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 22:13 | 63249481 accessi| utenti in linea: 1999