Logo
  Capitoli     
         
   
Spesa e salute
Inserito il 27 gennaio 2006 alle 00:07:00 da G. Ressa R Rossi. | stampa in pdf | Commenta questo capitolo | Consulta il tutorial pdf su come navigare il manuale al meglio
cambia
pag 3

Ressa:
La paziente era insolvente, c’è voluto l’intervento del Consolato italiano per il recupero della somma.
Ma la cosa che mi ha più deluso è la mancanza completa di metodologia clinica; mi rifiuto di credere che il collega non sospettasse dall’anamnesi e dall’esame obiettivo che fosse un’esofagite da reflusso, ma è andato avanti lo stesso in un vortice diagnostico degno di miglior causa.

Rossi:
Del resto è accertato che la qualità di un servizio affidato ai privati si presta, spesso, a molte variabili non squisitamente cliniche.
E poi ci sono le assicurazioni, le rivendicazioni medico legali, un rapporto medico paziente che è basato sulla “non fiducia” e, di conseguenza, dal “ho fatto tutto quello che si doveva fare e la diagnosi era quella”.

Ressa
Detesto questa “medicina difensiva” , sono convinto che un medico il quale operi in un ambiente del genere, perda inevitabilmente la sua “vis diagnostica” perché, a forza di non far girare più i neuroni, perde il filo del ragionamento clinico.
In questo modo la spesa sanitaria aumenta e, per una sorta di effetto volano, pure le polizze; gli avvocati, poi, ti fanno causa sempre e comunque “tanto è assicurato e qualche dollaro glielo spilliamo comunque”, il rapporto medico-paziente muore per sempre.
Se stai male per strada, prima di prestarti soccorso, ti frugano nelle tasche per cercare la tua carta di credito, è questa la civiltà moderna ?


BIBLIOGRAFIA
1. Ann Int Med 2003 Feb 18; 138: 273-87, 288-98
 
<< pag 2  
 
2004 - 2020 © Pillole.org Reg. T. di Roma 2/06 | Contatti | Versione stampabile |      
ore 04:52 | 988831 accessi| utenti in linea: 25693
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.5